Il turismo: una risorsa ed un'opportunitą unica

Il territorio spezzino è paesaggisticamente molto ricco: la contemporanea presenza di importanti realtà naturalistiche come il Parco Nazionale e Marino delle Cinque Terre, il Parco Naturale Regionale di Porto Venere e il Parco di Monte Marcello lo rendono un unicum, grazie all'incredibile ricchezza e bellezza naturalistica che portano alla creazione di un connubio unico tra uomo e ambiente.

  • Il Parco Nazionale delle Cinque Terre con i suoi 4.300 ettari  è il più piccolo d’Italia, ma allo stesso tempo è il più densamente popolato, con 5.000 abitanti suddivisi nei cinque borghi di Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al Mare. In questo territorio l’uomo si è "adattato" alle forme delle colline, andando a creare pendii per ricavarne strisce di terra coltivabili, i cosidetti "ciàn", sorretti da circa settemila km di muretti a secco. Questo è il vero tratto identificativo delle Cinque Terre, un paesaggio atipico e fortemente antropizzato: ecco perché questo parco Nazionale è chiamato il Parco dell’Uomo, un territorio diventato Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
  • Il Parco Naturale Regionale di Porto Venere  è stato istituito a garanzia, tutela e difesa della flora e della fauna di un territorio eterogeneo e complesso, costituito dalle isole di Palmaria, Tino e Tinetto, oltre che da Porto Venere.
  • Il Parco Regionale di Montemarcello - Magra nasce nel 1995 e da quel momento ha sempre portato avanti numerosi progetti sviluppatisi in più ambiti: educazione ambientale e formazione; manutenzione e pulizia dei sentieri;  monitoraggio, censimento e tutela della fauna. Un'attività multidisciplinare, quindi, per un parco di solo 4 300 ettari.

Se queste sono, sotto il profilo della difesa e della tutela dell'ambiente, le realtà più conosciute a livello internazionale, è tutto il territorio spezzino a regalare splendidi scorci; un territorio ricco di meravigliose spiagge e calette, bagnate da uno dei mari più puliti del Mediterraneo (come dimostra l'importante riconoscimento internazionale “Bandiera Blu” ottenuto da Lerici e Framura, annoverate tra le località turistiche balneari più “eco-sostenibili” d'Italia). 
Un mare che nel periodo estivo attrae migliaia di turisti, conquistati dalle Cinque Terre e dal Golfo dei Poeti, autentiche meraviglie del Meditaranneo, tra le mete più ambite del turismo nazionale ed internazionale, con italiani e stranieri a riempire le spiagge ed i borghi come in passato hanno fatto i membri della Famiglia Reale e tutt'oggi fanno ancora tanti noti imprenditori e molti artisti che da questo paesaggio mozzafiato traggono ispirazione. 

Le bellezze paesaggistiche sono sicuramente uno dei punti di forza della provincia, ma La Spezia è anche cultura:  dai reperti archeologici, preistorici e romani nel museo civico Ubaldo Formentini ai quadri di Tintoretto, Tiziano, Pontormo, fino alle polene di navi ottocentesche e strumenti bellici che si possono vedere all'interno del Museo Navale.
L'itinerario ideale per chi fa della conoscenza e della cultura un modo di vivere il territorio, ma anche una provincia densa di storia grazie all’area archeologica di Luni, a Porto Venere, a Sarzana e ai piccoli borghi della Val di Vara: tante mete indispensabili da conoscere per immergersi nella storia, nella cultura e nelle tradizioni spezzine.


Dalla Spezia sono inoltre raggiungibili, in poche ore di viaggio, le principali metropoli del nord Italia, città ricche di storia e cultura e motori economici del Bel Paese.

Il progetto PORTI
Investire alla Spezia
Informazioni & Link